QUANDO NEANCHE LA PANDEMIA RIESCE A FERMARE LE DONNE

Contributo per il potenziamento delle cooperative L. R. 5/57 annualità 2021
5 Marzo 2021
Bando “Welfare, che impresa!” quinta edizione
1 Aprile 2021

Storie di Cooperatrici coraggiose AGCI che hanno sfidato il Coronavirus in Gallura. Una testimonianza pubblicata anche sulla rivista internazionale di Ica Coop “Women in Leadership”

Quando ascolti la storia di Rosina Niola capisci subito perché la cooperativa AGCI che ha fondato si chiama “Voglia di vivere”.

La passione per il suo lavoro in ambito sociale, che svolge a Calangianus, nella ridente Gallura (in Sardegna), è straordinaria. È un inno alla gioia che riesce a contagiare anche le altre tredici donne che costituiscono la società cooperativa.

“Voglia di vivere” nasce nel Dicembre 1985 ed è stata una delle prime cooperative ad aprire un asilo nido in Sardegna…ma non solo. Le cooperatrici svolgono anche attività di sostegno, assistenza educativa e solidarietà in tutto il territorio, azioni che non si sono mai fermate, neanche nella fase più critica della pandemia che ha segnato le nostre vite, le nostre abitudini, modificandole e stravolgendole come un mare in tempesta.

Insieme alla cooperativa “Arcobaleno” di Loredana Deledda, un’altra importante realtà che opera nel gallurese, a Marzo del 2020, durante la prima ondata pandemica, quella più buia e desolante, Rosina Niola ha pensato bene di non fermarsi, come il resto del mondo è stato costretto a fare.

In quel periodo tutti i servizi, compresi quelli dedicati all’infanzia, sono stati chiusi e le informazioni che giungevano dal Governo centrale e da quello regionale non erano né chiare e né rassicuranti per i cittadini. L’unica certezza era che il Coronavirus continuava ad essere letale, spietato, ingiusto. Ci ha recluso in casa fermando le nostre vite, ci ha fatto perdere le persone care e mostrato una realtà che non avremmo mai voluto vedere.

Le cooperatrici, con la forza, l’intraprendenza e il principio di organizzazione, caratteristiche tipiche del DNA femminile, insieme al sostegno del Sindaco e del Comune, hanno messo da parte la paura bussando letteralmente alle porte delle famiglie e offrendo aiuto a chi ne avesse bisogno. Lo hanno fatto concretamente, come valorose guerriere la cui unica arma era il sorriso.

Hanno consegnato mascherine prodotte e donate da ditte di Calangianus, hanno portato materiale didattico e tablet a ragazzi universitari, delle scuole primarie e superiori. Hanno dato conforto psicologico a chi ha vissuto nel panico e nella solitudine. Hanno assistito gli anziani, le mamme in difficoltà, coloro che hanno perso il lavoro e chi non aveva il pane da mangiare, facendo nascere una vera e propria rete solidale in tutto il territorio: artigiani che hanno offerto 350 kg di gelato, panifici che ogni sabato donavano pane e dolci da distribuire a tutti. L’elenco è davvero lungo e significativo, degno di una sceneggiatura di un film neorealista.

Scriveva il filosofo Kant: “La solidarietà del genere umano non è solo un segno bello e nobile, ma una necessità pressante, una questione di vita”. E noi aggiungiamo: “Una questione di cooperazione!”.

 

Condividi quest'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sulla Privacy - Art. 13 Regolamento UE 2016/679

Il Titolare del trattamento dei dati è AGCI – Associazione Territoriale della Sardegna con sede in Viale Monastir, 102 – 09128 Cagliari (CA), Italia. I dati, raccolti per la gestione della tua richiesta, sono trattati per la seguente finalità: rispondere alla comunicazione, alla richiesta di informazioni sui servizi e prodotti da noi commercializzati o altro specificato direttamente da te; potremo contattarti attraverso modalità tradizionali (posta cartacea, chiamate telefoniche con operatore) o automatizzate (e-mail, sms). Il mancato conferimento dei dati, non ci consentirà di dare seguito alla tua richiesta. Ti informiamo che, per le sole finalità sopra richiamate, i tuoi dati: 1) saranno trattati dalle unità interne debitamente autorizzate; 2) potranno essere comunicati a soggetti esterni quali i nostri partner o i soggetti erogatori di servizi attinenti i citati prodotti e servizi. Potrai richiedere l’elenco completo dei destinatari, rivolgendoti all’indirizzo email: info@agcisardegna.it Laddove alcuni dati fossero comunicati a destinatari siti fuori dall’UE/Spazio Economico EU, AGCI – Associazione Territoriale della Sardegna assicura che i trasferimenti verranno effettuati tramite adeguate garanzie, quali decisioni di adeguatezza/Standard Contractual Clauses approvate dalla Commissione Europea. Per informazioni relative al periodo di conservazione dei dati, ai diritti degli interessati (quali il diritto alla visualizzazione, modifica/rettifica, cancellazione, limitazione, opposizione, alla portabilità dei propri dati personali, nonché il diritto a proporre reclamo dinanzi all’Autorità di controllo) e per conoscere nel dettaglio la privacy policy di AGCI – Associazione Territoriale della Sardegna, ti invitiamo a visitare il nostro sito alla pagina https://www.agcisardegna.it/privacy/. Il Responsabile per la protezione dei dati, è contattabile al seguente indirizzo: info@agcisardegna.it

×