Storie di cooperative AGCI – “Strovina 78”: quando cooperare vuol dire valorizzare il territorio con cura e attenzione

PUBBLICATO IL DECRETO MINISTERIALE SUI CONTRIBUTI DI REVISIONE DEL BIENNIO 2021/2022
1 Settembre 2021
AVVISO – Obbligo di Green pass per l’accesso ai luoghi di lavoro
21 Settembre 2021

Quando nasce la cooperativa?
Strovina 78 nasce, come si evince dal nome, nel 1978 e ha da poco spento 43 candeline”.

Lei è Presidente da quando?
“Sono subentrato nel 1979, un anno dopo la sua costituzione. La cooperativa è nata dall’impegno di un gruppo di giovani agricoltori che, in anni di lavoro intenso, sono riusciti a riportare in attività le terre incolte dell’antico stabilimento “Vittorio Emanuele”. L’azienda si trova a Sanluri Stato, frazione rurale di Sanluri, situata al centro del Campidano tra Cagliari e Oristano. Il territorio di Sanluri è stato per secoli uno stagno d’acqua salata, creando notevoli difficoltà per le colture, ma questo non ha fermato gli agricoltori che, con determinazione, tenacia e continue sperimentazioni, hanno ottenuto nel tempo ottimi risultati.

Nel corso degli anni la cooperativa ha sviluppato l’attività d’allevamento di tutte le specie tipiche del nostro territorio, incentivando l’introduzione di colture ortofrutticole di notevole pregio”.

Quanti Soci?
“Siamo 13 Soci orgogliosi della nostra terra, unica e sempre generosa”.

Quali sono i vostri prodotti?
“L’attività è variegata. Su una superficie di circa 350 ettari ci occupiamo di allevamento ovino. Il nostro lavoro si concentra anche sull’Agriturismo “Su Stai”, nel quale produciamo praticamente tutto: frutta, verdura. Alleviamo i maialini all’aperto, garantendo così un’alta qualità a Km 0. Si producono cereali: grano, orzo, avena, mais; legumi: fave, ceci, fagioli, lenticchie, cicerchie. Il nostro orto produce pomodori, lattuga, sedano, finocchio, peperoni, melanzane, zucchine, asparagi, carciofi e tanto altro. Alleviamo galline, faraone, anitre, oche, conigli e tacchini. Ci dividiamo equamente i compiti: un gruppo di soci segue il settore zootecnico, un altro si occupa dell’approvvigionamento cioè di semina e raccolta di foraggi e, un terzo gruppo, si occupa dell’olivicoltura.

Il mercato è prettamente locale?
“Il mercato dei prodotti dell’agriturismo è essenzialmente locale anche se stiamo realizzando i nuovi marchi con l’obiettivo di ampliare il mercato”.

Il rapporto col territorio è importante?
“E’ fondamentale. Abbiamo un legame fortissimo col territorio che si estende a tutto l’interland del cagliaritano. Noi distiamo circa 40 km da Cagliari, i nostri ospiti vengono da gran parte della Sardegna. Gustano e apprezzano i nostri prodotti. Una delle attività importanti che svolgiamo è quella di coinvolgere gli studenti dei Licei e delle Università affinché conoscano delizie e sapori e valorizzino il territorio. Crediamo fortemente nella trasmissione del sapere alle nuove generazioni”.

Il 4 Settembre “Strovina 78” ha festeggiato il compleanno. Cos’è cambiato negli anni?
“A parte che eravamo poco più che ventenni e ora i nostri capelli sono bianchi, è cambiato il nostro approccio nel lavoro perché abbiamo capito che bisogna diversificare e mai concentrarsi su un’attività solamente. La diversificazione è il segreto del successo per tutte le aziende agricole, non solo per quanto riguarda la cura delle colture, ma anche nella scelta dell’attrezzatura, dei mezzi di produzione e nella gestione agricola vera e propria”.

Ci sono donne che lavorano con voi?
“La nostra non è un’attività “leggera”, abbiamo una valida collaboratrice che lavora nella segreteria e un’altra, altrettanto competente, che si occupa dell’agriturismo”.

Che problematiche ha creato la pandemia nel vostro lavoro?
“Sull’attività agricola nessun impatto negativo, su quella dell’agriturismo purtroppo sì. Infatti, ahimè, abbiamo avuto una riduzione del lavoro di oltre il 70%.

Cosa vuol dire cooperazione per Lei e il rapporto con AGCI.
“Cooperare vuol dire fare impresa e contribuire a migliorare l’aspetto economico, sociale del nostro Paese perché la cooperazione offre occupazione, un’ottima gestione del lavoro, ma è anche un modo diverso di concepire la vita e la produzione. Consente di lavorare con altri che condividono gli stessi valori e principi come, nel nostro caso, il rispetto per l’ambiente tutelandone la sostenibilità. Cooperazione vuol dire anche lasciare qualcosa di costruito per i Soci che verranno dopo di noi. Il suo valore è straordinariamente prezioso e aggregante per la comunità.

Il rapporto con l’Associazione Generale delle Cooperative Italiane è ottimo. E’ trasparente, diretto, fondato su una stima reciproca. Ho riscontrato sempre disponibilità per qualsiasi esigenza e momenti di confronto”.

Quali sono i progetti per il futuro? Quale l’augurio per la cooperativa?
“Progetti per il futuro sono quelli di incrementare una parte delle colture che al momento non abbiamo sviluppato bene, che è quella delle ortive utilizzando le nuove tecnologie e puntando anche in parte sulla trasformazione. Come ho già accennato, abbiamo realizzato i nostri marchi per tutta la linea dei prodotti quali il mirto e alcune erbe spontanee che cominciano ad essere apprezzate dai clienti. L’obiettivo è di fare la stessa cosa anche su altre produzioni che vanno dal formaggio alla salsiccia, dalle marmellate al pane, sempre tutto rigorosamente genuino, biologico e considerando che, come scriveva Virginia Woolf: “Non si può pensare bene, amare bene, dormire bene se non si è mangiato bene!”.

Nella foto i tre presidenti. In ordine da destra Vittorio Stancari, Andrea Carlotto e Marco Pau.
Condividi quest'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa sulla Privacy - Art. 13 Regolamento UE 2016/679

Il Titolare del trattamento dei dati è AGCI – Associazione Territoriale della Sardegna con sede in Viale Monastir, 102 – 09128 Cagliari (CA), Italia. I dati, raccolti per la gestione della tua richiesta, sono trattati per la seguente finalità: rispondere alla comunicazione, alla richiesta di informazioni sui servizi e prodotti da noi commercializzati o altro specificato direttamente da te; potremo contattarti attraverso modalità tradizionali (posta cartacea, chiamate telefoniche con operatore) o automatizzate (e-mail, sms). Il mancato conferimento dei dati, non ci consentirà di dare seguito alla tua richiesta. Ti informiamo che, per le sole finalità sopra richiamate, i tuoi dati: 1) saranno trattati dalle unità interne debitamente autorizzate; 2) potranno essere comunicati a soggetti esterni quali i nostri partner o i soggetti erogatori di servizi attinenti i citati prodotti e servizi. Potrai richiedere l’elenco completo dei destinatari, rivolgendoti all’indirizzo email: info@agcisardegna.it Laddove alcuni dati fossero comunicati a destinatari siti fuori dall’UE/Spazio Economico EU, AGCI – Associazione Territoriale della Sardegna assicura che i trasferimenti verranno effettuati tramite adeguate garanzie, quali decisioni di adeguatezza/Standard Contractual Clauses approvate dalla Commissione Europea. Per informazioni relative al periodo di conservazione dei dati, ai diritti degli interessati (quali il diritto alla visualizzazione, modifica/rettifica, cancellazione, limitazione, opposizione, alla portabilità dei propri dati personali, nonché il diritto a proporre reclamo dinanzi all’Autorità di controllo) e per conoscere nel dettaglio la privacy policy di AGCI – Associazione Territoriale della Sardegna, ti invitiamo a visitare il nostro sito alla pagina https://www.agcisardegna.it/privacy/. Il Responsabile per la protezione dei dati, è contattabile al seguente indirizzo: info@agcisardegna.it

×